Breadcrumb Breadcrumb

Aggregatore Risorse Aggregatore Risorse

Indietro

Polizia di prossimità: essere vicini ai cittadini per spazi urbani vivibili e sicuri, un nuovo bando per i comuni toscani

Polizia di prossimità: essere vicini ai cittadini per spazi urbani vivibili e sicuri, un nuovo bando per i comuni toscani

Il ruolo svolto dalle polizie municipali appare sempre più importante in un contesto nel quale le città sono in continuo mutamento e gli spazi pubblici sono oggetto di  trasformazioni, non sempre positive, negli usi e nelle funzioni. Regione Toscana ha scelto quindi di investire risorse per rafforzare il servizio di Polizia municipale nei Comuni toscani più esposti al rischio di fenomeni di degrado e criminalità, promuovendo l'attivazione, o il potenziamento, del servizio di polizia municipale di prossimità.

 

La Regione Toscana ha deciso così di attivare per il triennio 2019-2021 il progetto "Polizia municipale di prossimità". Si tratta di una modalità operativa in base al quale la polizia municipale si avvicina alla comunità di riferimento invertendo, in un certo senso, la direzione del rapporto: non è più il cittadino che si rivolge all'istituzione segnalando problematiche e chiedendo interventi, ma è la polizia municipale che scende in strada e cammina per i quartieri in un impegno quotidiano di ascolto e relazione con la gente che porta a intervenire precocemente sulle problematiche, anticipandone gli sviluppi e prevenendo il loro degenerare in situazioni di tensione e conflitti. Un intervento finalizzato all'incremento della presenza della polizia municipale in determinate zone di città toscane di media e grande dimensione segnate da particolari e crescenti fenomeni di illegalità e  microcriminalità. Il progetto consiste nell'attivazione di moduli di polizia municipale di prossimità nelle città individuate sulla base di criteri diversi che tengono conto della popolazione (inclusi pendolari e turisti) e dell’indice di delittuosità del luogo. Per il prossimo triennio dunque le città di Viareggio, Pisa, Firenze, Campi Bisenzio,  Massa, Prato, Livorno, Lucca, Pistoia, Pontedera, Sesto Fiorentino, Empoli, Grosseto, Piombino, Arezzo, attiveranno o rafforzeranno, grazie alle risorse regionali, il servizio di prossimità nelle zone più delicate del proprio territorio. 

A tutti gli altri comuni è invece dedicato l’avviso del 6/09/2019 che sostiene, oltre a progetti di presidio sociale, culturale e commerciale anche l’incremento o l’attivazione del servizio di polizia municipale di prossimità.

 

Potranno presentare domanda di contributi comuni singoli e associati della Toscana; i Comuni che fanno parte di Unioni o gestioni associate di polizia municipale non possono presentare progetti come singoli. Il finanziamento regionale sarà ripartito sulla base della popolazione complessivamente interessata dall’intervento e potrà coprire fino a un massimo del 70% del costo totale del progetto.

La presentazione delle domande scade il 24 ottobre 2019 alle ore 13.

 

Credit foto: Comando di Polizia Municipale di Sesto Fiorentino

Ultimo aggiornamento: 17.10.2019
Condividi


Documenti Allegati